Rimunerazione per i piccoli impianti fotovoltaici

Rimunerazione unica e consumo proprio per i piccoli impianti fotovoltaici

Rimunerazione unica e consumo proprio per i piccoli impianti fotovoltaici:

 

Versione 4.1 del 22 gennaio 2016

Con la rimunerazione unica (RU), nel 2014 è stato introdotto un nuovo strumento di promozione dei piccoli impianti fotovoltaici. L'investitore riceve, complessivamente, al massimo il 30 % dei costi di investimento di un impianto di riferimento. Si tratta di un contributo unico versato alcuni mesi dopo l'inoltro della documentazione completa a Swissgrid. Il pagamento della rimunerazione unica non è soggetto ad alcun contingente, sempre che siano disponibili risorse sufficienti per l'erogazione dei contributi*.

Per stabilire a quale sistema di promozione si ha diritto, sono determinanti la data di notifica RIC, la potenza dell'impianto realizzato e la data della messa in esercizio.

Dalla seguente tabella potete desumere se avete diritto alla RIC, alla RU o se potete scegliere tra le due (diritto di scelta):

 

 Data della notifica  Potenza impianto realizzato
< 2 kWp 2 kWp -  9.9 kWp  10kWp - 29.9 kWp > 30kWp
 fino al 31.12.2012 compreso  RIC  Diritto di scelta  Diritto di scelta  RIC
 dal 01.01.2013 al 31.03.2014  RU3  RU  Diritto di scelta2  RIC
 A partire dal 01.04.2014  X  RU1  Diritto di scelta2  RIC

Con messa in esercizio prima del 01.01.2013: né RU né RIC
Con messa in esercizio prima del 01.01.2013: solo RIC
3 Con messa in esercizio prima del 01.06.2014: RU, messa in esercizio dal 01.06.2014: né RU né RIC

Rimunerazione unica o RIC?

A causa della grande richiesta, già poco dopo l'introduzione della RIC è stato disposto un blocco delle decisioni ed è stata introdotta una lista d'attesa. La situazione si è aggravata con il boom di notifiche registrato a partire dal 2011 (aumento del numero di notifiche da 200 a più di 1000 al mese), che dura tuttora.

La lista d'attesa può essere ridotta solo gradualmente, perché la richiesta supera ampiamente le risorse disponibili. A fine dicembre 2015 vi erano iscritti circa 36 700 impianti, 35 700 dei quali erano impianti fotovoltaici (= 2000 MW di potenza). Ulteriori informazioni sono disponibili alla pagina Internet http://www.stiftung-kev.ch/it/rap-porti/cockpit-ru/.

Chi notifica oggi un impianto fotovoltaico per la RIC con la attuali condizioni quadro giuridiche non ha verosimilmente più possibilità concrete di beneficiare della RIC. La lista d'attesa è gestita in base al principio "primo arrivato, primo servito". A questo riguardo va sottolineato il fatto che gli anni trascorsi sulla lista d'attesa non sono rimunerati.

Per questo motivo si raccomanda agli esercenti di impianti con una potenza tra i 10 e i 29.9 kW di optare per la rimunerazione unica dopo la messa in esercizio dell'impianto. Quest'ultima copre il 30 % circa dei costi d'investimento di un impianto di riferimento. Il vantaggio di questa opzione è che il contributo viene versato alcuni mesi dopo l’inoltro della notifica di messa in esercizio completa e del modulo sul diritto di scelta, sempre che i mezzi finanziari siano disponibili*.

La stessa raccomandazione vale anche per gli impianti notificati per la RIC da dicembre 2011.

 

*Per la prima metà del 2016 sono disponibili 50 milioni di franchi per l’erogazione delle rimunerazioni uniche. Questo montante è interamente vincolato per impianti già realizzati. Di conseguenza nuovi impianti dovranno mettere in conto un periodo più lungo che sinora (più di 6 mesi) per l’erogazione delle rimunerazioni uniche. Altri 50 milioni di franchi potranno essere messi a disposizione delle rimunerazioni uniche, a condizione che in giugno il Consiglio federale aumenti il supplemento di rete valevole dal 1.1.2017 a 1,5 ct./kWh.

 

La rimunerazione unica

 

1. Contributi e termine di pagamento

 

1.1 Quando sono previsti i prossimi adeguamenti della rimunerazione unica?

Per il 2016 non sono previste riduzioni. I contributi in vigore da ottobre 2015 restano invariati sino alla fine del 2017.

 

1.2 A quanto ammonta il contributo che riceverò per il mio impianto?

La rimunerazione si calcola sommando un contributo di base unico e un contributo per ogni kW di potenza installata.
A tale riguardo, per il calcolo della rimunerazione è determinante la data di messa in esercizio, la potenza dell'impianto (potenza di picco DC) e la categoria (annesso, integrato, isolato).

Calcolo dell'importo complessivo del contributo1:

Contributo di base + [contributo di potenza * potenza installata (kW)]
Potete calcolare il presumibile importo della rimunerazione unica al seguente link: Calcolatore RU2

 

1.3 Come posso ottenere la rimunerazione unica?

Per ottenere la rimunerazione unica occorre notificare l'impianto a Swissgrid mediante il sito utilizzato anche per la notifica per la RIC3. Dopo avere inserito nell'apposita maschera i dati richiesti, Le sarà inviato via e-mail il modulo per la notifica sotto forma di file PDF. Il modulo deve essere stampato, debitamente firmato e rispedito per posta a Swissgrid. Per ulteriori informazioni si rimanda al documento: Indicazioni su una gestione più rapida della rimunerazione unica4
Alcuni mesi dopo avere trasmesso la documentazione completa per la notifica della messa in esercizio5 a Swissgrid, Le sarà versata la rimunerazione unica, sempre che siano disponibili risorse sufficienti per l'erogazione dei contributi.

 __________________

1 I tassi di rimunerazione sono inclusivi dell'imposta sul valore aggiunto.
2 www.swissgrid.ch/ru > Calcolatore delle tariffe
3 https://www.guarantee-of-origin.ch/SwissForms/Default.aspx?language=IT
4 www.swissgrid.ch/ru > Rimunerazione > “Indicazioni su una gestione più rapida della rimunerazione unica”
5 La notifica per la RU comprende anche l’esercizio del diritto di scelta e l’indicazione delle relazioni bancarie per il versamento.

 

1.4 Esiste una lista d'attesa per la rimunerazione unica?

No, per la rimunerazione unica non esiste una lista d'attesa vera e propria. In linea di principio il versamento avviene dopo la data di ricevimento della notifica di messa in servizio.
Per la prima metà del 2016 sono disponibili 50 milioni di franchi per l’erogazione delle rimunerazioni uniche. Questo montante è interamente vincolato per impianti già realizzati. Di conseguenza nuovi impianti dovranno mettere in conto un periodo più lungo che sinora (più di 6 mesi) per l’erogazione delle rimunerazioni uniche. Altri 50 milioni di franchi potranno essere messi a disposizione delle rimunerazioni uniche, a condizione che in giugno il Consiglio federale aumenti il supplemento di rete valevole dal 1.1.2017 a 1,5 ct./kWh.

 

1.5 Ho ricevuto la rimunerazione unica; a chi posso vendere ora la mia energia elettrica?

Lei è autorizzato a consumare l'energia elettrica autoprodotta direttamente sul luogo di produzione (consumo proprio): in quanto proprietario di una casa unifamiliare con impianto fotovoltaico, per ogni chilowattora di energia elettrica autoprodotta consumata può risparmiare circa 20 centesimi sui costi d'acquisto dell'energia (economia domestica con tariffa H4).
La produzione in eccesso può essere venduta sul mercato dell'elettricità, le aziende elettriche devono comprarla al prezzo d'acquisto orientato al mercato (che può variare a seconda degli anni, attualmente ammonta in media a 6-10 ct./kWh).
Inoltre il valore aggiunto ecologico (il valore aggiunto dell'energia elettrica prodotta in modo ecologico rispetto al valore dell'energia elettrica generata in modo convenzionale) può essere venduto a un'azienda di approvvigionamento elettrico o a una delle numerose borse dell'energia elettrica.

 

1.6 Desidero ampliare il mio impianto. Ho diritto alla rimunerazione unica?

Per impianti ampliati o rinnovati in misura considerevole può essere versato solo un contributo in funzione della potenza. Per potere beneficiare di un contributo in funzione della potenza devono tuttavia essere soddisfatti i seguenti criteri:

  • L'ampliamento deve essere almeno di 2 kW
  • La potenza deve essere minore di 30 kW

Se per l'impianto originario è stata versata una rimunerazione unica, per l'ampliamento (alle condizioni summenzionate) può essere pagata solo una rimunerazione unica in funzione della potenza. Il passaggio alla RIC dell'impianto ampliato non è possibile. Analogamente, nel caso di ampliamento di un impianto notificato per la RIC non è possibile richiedere una rimunerazione unica.

 

2. Impianti integrati

2.1 Un impianto integrato beneficia di una rimunerazione maggiore?

Sì, se l'impianto è integrato in un edificio e, oltre che alla produzione di elettricità, è adibito anche alla protezione contro le intemperie o il calore o alla protezione contro il rischio di caduta (doppia funzione). Il soddisfacimento di criteri estetici, come la copertura dell'intera superficie o raccordi particolarmente curati con i bordi del tetto, non è sufficiente affinché un impianto possa essere considerato integrato. A questo riguardo, l'UFE ha pubblicato nel marzo 2014 una direttiva6 aggiornata.

 

2.2 Desidero costruire nel 2016 un impianto integrato. Quali criteri deve soddisfare la documentazione fotografica che devo inoltrare a Swissgrid?

Le fotografie devono illustrare il generatore solare durante la costruzione e al termine dei lavori e dimostrare che si tratta di un impianto integrato secondo il n. 2.3 dell'Appendice 1.2 all'ordinanza sull'energia.

 

3. Limiti superiori e inferiori per la rimunerazione unica

3.1 Esiste un limite inferiore per il diritto alla rimunerazione unica?

Sì, gli impianti con una potenza inferiore a 2 kW non ricevono contributi.

 

3.2 Desidero costruire un impianto da 35 kW. Posso notificare solo 29 kW per la rimunerazione unica e rinunciare ai contributi per gli altri 6 kW?

No, questo modo di procedere non è ammesso. Solo gli impianti con una potenza complessiva inferiore a 30 kW possono beneficiare della rimunerazione unica. Gli esercenti di impianti aventi una potenza uguale o superiore a 30 kW continuano però a beneficiare della RIC. Per la RIC occorre tuttavia considerare la lunga lista d’attesa (vedi p. 2).

 

3.3 Possiedo già un impianto da 30 kW per il quale ricevo la RIC. Vorrei ora ampliare l'impianto a 50 kW per destinare la produzione supplementare al consumo proprio. Posso ricevere la rimunerazione unica per questo ampliamento?

No, non è possibile. L'impianto supplementare da 20 kW sarà considerato un ampliamento dell'impianto beneficiario della RIC. L'intero impianto verrà rimunerato con un tasso RIC misto. Vantaggio: riceverà la nuova rimunerazione immediatamente e non dovrà rimanere nuovamente bloccato (per anni) sulla lista d'attesa.

 

3.4 La rimunerazione unica viene accordata fino a una potenza di 30 kW. Quale potenza si intende?

Come criterio per stabilire se può essere accordata una rimunerazione unica, è determinante la potenza di picco DC normalizzata del generatore solare.

 

__________________

6 www.bfe.admin.ch/ric > Direttive > Direttiva “Direttiva "Impianti fotovoltaici integrati negli edifici" per la corretta applicazione del numero 2.3 dell'appendice 1.2 dell'ordinanza sull'energia (OEn)”

 

4. Varie

4.1 Nel 2014 il mio vicino ha costruito un impianto da 20 kW sulla sua casa e ottenuto la rimunerazione unica. Nel 2016 desidero anch'io costruire un impianto da 15 kW e beneficiare della rimunerazione unica. Entrambi gli impianti hanno lo stesso punto di immissione. Posso ottenere la rimunerazione unica?

Se a monte di un punto di immissione vi sono più campi fotovoltaici con relativi invertitori su diverse proprietà, ogni unità può essere considerata un impianto separato. Tale regolamentazione è entrata in vigore il 1° gennaio 2015.

 

4.2 Devo notificare il mio impianto a Swissgrid prima della costruzione?

Noi consigliamo di notificare tempestivamente il Suo progetto presso Swissgrid anche se non c’è un obbligo di notificare l’impianto prima della costruzione. La condizione per il pagamento della rimunerazione unica è l’inoltro della documentazione completa relativa alla messa in servizio. I contributi possono essere versati solo se ci sono sufficienti risorse disponibili..

 

4.3 Il mio impianto non funziona (più). Devo rimborsare la rimunerazione unica?

Swissgrid può reclamare la rimunerazione unica, se l'esercizio dell'impianto non è garantito almeno per 10 anni. Tale aspetto è regolato nell'ordinanza sull'energia (n. 6.2 dell'Appendice 1.8 all'ordinanza sull'energia).

 

3.4 La rimunerazione unica viene accordata fino a una potenza di 30 kW. Quale potenza si intende?

Come criterio per stabilire se può essere accordata una rimunerazione unica, è determinante la potenza di picco DC normalizzata del generatore solare.

 

Il Consumo Proprio

 

Che cosa si intende per diritto al consumo proprio?

Ai produttori di energia elettrica da fonti fossili e rinnovabili è attribuito esplicitamente il diritto di utilizzare l'energia, per fini propri, direttamente sul luogo di produzione (consumo proprio). Solamente l'energia effettivamente immessa in rete viene trattata come tale e rimunerata. L'ordinanza sull'energia (OEn) prevede che i produttori debbano comunicare con tre mesi di anticipo al gestore di rete se intendono optare per il consumo proprio o (al contrario) per l’immissione in rete della produzione netta. Al riguardo nel 2014 l'UFE ha pubblicato un aiuto all'applicazione in materia di consumo proprio (www.bfe.admin.ch/eigenverbrauch).

 

 I flussi di energia nel caso del consumo proprio sono rappresentati in questo grafico:

 Grafico 2: Flussi di energia nel caso di consumo proprio

 Grafico 3: Schema di misurazione nel caso di consumo proprio

 

Produzione netta: energia prodotta direttamente dal generatore (produzione lorda) meno il consumo proprio dell’impianto (alimentazione ausiliaria). Negli impianti > 30 kVA è prescritta la presenza di un contatore delle produzione netta ai fini delle garanzie di origine. Per impianti più piccoli in regime di consumo proprio, la presenza di un contatore della produzione netta non è obbligatoria.
Eccedenza: produzione netta meno il contemporaneo consumo proprio del cliente finale. Corrisponde all'effettiva immissione fisica di energia elettrica in rete.
Prelievo: consumo del cliente finale meno la contemporanea produzione netta. Corrisponde all'effettivo prelievo fisico di energia elettrica dalla rete.

 

Devo installare un nuovo contatore per approfittare del regime del consumo proprio?

Per poter misurare correttamente il consumo proprio, è prescritta l'installazione di contatori di nuova generazione: essi devono disporre di registri separati per l'immissione e per il prelievo. Nel caso di impianti già in esercizio, è importante controllare che i contatori soddisfino questi requisiti.

 

Sono proprietario di una casa plurifamiliare e desidero costruirvi sopra un impianto fotovoltaico, per il quale riceverò una rimunerazione unica. Posso vendere l'energia elettrica in regime di consumo proprio ai miei locatari?

Sì, se i locatari sono d'accordo, è possibile offrire l'opzione "consumo proprio" a livello di edificio e vendere loro direttamente l'energia elettrica prodotta. Nei confronti del gestore di rete, le parti (esercente dell'impianto e locatari) si presentano congiuntamente e si occupano esse stesse del conteggio interno. Questo non abolisce il divieto di formare raggruppamenti per il libero accesso al mercato di cui all'articolo 11 OAEl: non è ammesso sommare il consumo di energia elettrica dei vari utenti di una casa plurifamiliare o di un parco industriale per superare il limite di 100 MWh oltre il quale è consentito il libero accesso al mercato; tale somma è però ammessa ai fini del consumo proprio. I costi per l'adattamento del sistema di misurazione sono a carico del produttore.Ulteriori informazioni sono pubblicate nell'aiuto all'applicazione in materia di consumo proprio dell'UFE (www.bfe.admin.ch/eigenverbrauch).

Il consumo proprio è compatibile con i sistemi di promozione (rimunerazione unica o RIC)?

Sì, il consumo proprio può essere combinato sia con la rimunerazione unica che con la RIC. La RIC, nel caso del consumo proprio, è calcolata solo in funzione della produzione in eccesso.

Per impianti ampliati o rinnovati in misura considerevole può essere versato solo un contributo in funzione della potenza. Per potere beneficiare di un contributo in funzione della potenza devono tuttavia essere soddisfatti i seguenti criteri:

  • L'ampliamento deve essere almeno di 2 kW
  • La potenza deve essere minore di 30 kW

 

Se per l'impianto originario è stata versata una rimunerazione unica, per l'amplia-mento (alle condizioni summenzionate) può essere pagata solo una rimunerazione unica in funzione della potenza. Il passaggio alla RIC dell'impianto ampliato non è possibile. Analogamente, nel caso di ampliamento di un impianto notificato per la RIC non è possibile richiedere una rimunerazione unica.
 

 

Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti. Per saperne di più clicca qui.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.